Torre di Francoforte, la Main Tower

di
Torre di Francoforte, Main Tower

Torre di Francoforte, Main Tower

Nera serigrafata, la torre di Francoforte si alza imperiosa e circolare nel quartiere dei grattacieli: duecento metri, sormontati da una torre di comunicazione bianca e rossa alta quaranta, rendono la Main Tower uno dei palazzi più caratteristici della metropoli tedesca.

Realizzata tra il 1996 e il 1999, e inaugurata il 28 gennaio del 2000, la struttura prende il nome dal fiume che bagna la città: il Meno. Al suo interno ospita gli uffici della Landesbank Hessen-Thüringen (Helaba), la branca tedesca di Merrill Lynch e gli studi televisivi Hessischer Rundfunk.

Main Tower Francoforte

Main Tower Francoforte

La Torre di Francoforte ha anche cinque livelli sotterranei e due piattaforme di osservazione aperte al pubblico – le uniche tra i grattacieli del primo centro finanziario della Germania.

Pur non essendo l’edificio più alto della città, la Main Tower ha il punto panoramico più elevato. Dalla sua terrazza circolare, in cima alla struttura, è possibile sfiorare il cielo tedesco e guardare il panorama a 360° gradi.

Per arrivare lassù, bastano cinque euro: tanto costa il biglietto per poter prendere l’ascensore che a una velocità di sette metri al secondo porta al 56° e ultimo piano della torre di Francoforte.

Senza sfidare il vento freddo e il mal da vertigine, si può avere un’ottima visuale del centro finanziario tedesco anche stando comodamente seduti al Main Tower Resturarant & Bar, che si trova al 53° livello ed è il più alto della città.

Prima di salire sin lassù, la hall della torre di Francoforte accoglie i visitatori con due opere d’arte che possono essere ammirate gratuitamente dal pubblico: l’installazione video di Bill Viola The World of Appearances e il mosaico a parete di Stephan Huber dal titolo Frankfurter Treppe / XX. Jahrhundert.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Torre di Francoforte, la Main Tower"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...